Pranoterapia & Trattamenti Reiki

Tempo di lettura: 7 minuti

Di cosa si tratta?

Sia nel caso in cui si parli di Pranoterapia, sia nel caso in cui si parli di Reiki, si sta parlando di trattamenti energetici, rivolti a riequilibrare uno stato di disarmonia interiore sia dal punto di vista fisico, sia da un punto vista emozionale e spirituale.

Pranoterapia & Trattamenti Reiki: Siamo fatti di energia

Immagine tratta dal libro “Mani di luce” di Barbara Ann Brennan. Ed. Corbaccio

 

Molti considerano la Pranoterapia e il Reiki due discipline parallele, che si differenziano l’una dall’altra per un semplice ma non banale dettaglio. In sostanza mentre attraverso la Pranoterapia si sostiene di sfruttare l’energia insita nel corpo umano, attraverso il Reiki invece si ritiene di usufruire di un’energia universale.

Seguendo questa distinzione, istintivamente risulta subito ovvio pensare che, mentre la prima fonte possa rappresentare una fonte di energia finita, di indubbia provenienza e di qualità relativamente buona (in quanto dipende dall’operatore che ce la trasmette durante il trattamento e dalle sue condizioni psico-fisiche-emozionali), la seconda fonte invece, provenendo dall’Universo, possa essere quantitativamente non misurabile e di qualità più neutrale.

 

Prima di affrontare quest’argomento, facciamo un passo indietro e cerchiamo di fare chiarezza sul concetto di :

ENERGIA

 

Cos’è esattamente l’energia? La si può vedere, la si può toccare o meglio… la si può percepire? Dov’è quest’energia di cui si parla? E’ intorno a noi? E’ ovunque o la si trova racchiusa da qualche parte sul fondo dell’oceano o nel bel mezzo della foresta amazzonica?

Navigando in internet, di definizioni ce ne sono a bizzeffe, soprattutto dal punto di vista della Fisica. In questo contesto io mi limiterò ad esprimerne il concetto da un punto di vista più emozionale che materiale, attingendo dagli studi, dalle osservazioni e dalle esperienze che ho rispettivamente acquisito e vissuto durante il mio percorso di vita.

 

Pranoterapia & Trattamenti Reiki: Energia, è ovunque attorno a noi

 

Qualsiasi cosa vediamo, pensiamo, percepiamo, assaporiamo, ascoltiamo o immaginiamo…

è Energia!

I nostri organi sono energia. A determinate frequenze, certo, ma sono energia…

i nostri stati d’animo sono energia, i nostri pensieri, le nostre emozioni, sono energia!

 

Durante questi anni di studi, di approfondimenti e di esperienze in ambito salute e benessere, una frase detta da uno dei miei insegnanti mi ha colpito in modo particolare e da quando l’ho sentita non l’ho mai più dimenticata:

 

La malattia nasce nell’anima, si sviluppa nella mente e si manifesta in modo evidente nel corpo”

 

Che cosa vuole dire questa frase?

Credo che possa essere più semplice spiegare il concetto con un esempio. Supponiamo che una persona provi rancore per una determinata situazione avvenuta nel suo passato. Questo rancore è una forma di energia (che noi etichettiamo per semplicità come negativa) che questa persona conserva dentro se stessa. Più nello specifico si conserva in alcuni organi in particolare, in primis lo stomaco.

 

Lo stomaco è parte del canale digerente ed è posto in una posizione intermedia tra l’esofago e il duodeno. A quest’organo vengono associate le situazioni che non vengono accettate o “digerite”. Possono essere situazioni che ci hanno fatto provare rabbia, dispiacere o ancora un senso di ingiustizia. Possono essere alimenti, ma anche idee o situazioni che non accettiamo e possono essere anche dei sensi di colpa.

Tratto da “Il Grande Dizionario della MetaMedicina” di Claudia Rainville. Ed. Sperling & Kupfer

 

Ciò che però è importante sapere, è che questa energia giorno dopo giorno si condensa generando problemi di varia natura: vomito, nausea, dolori di vario tipo, bruciori, emorragia gastrica (magari per situazioni che ci hanno creato un grosso dispiacere per non aver provato gioia in una situazione vissuta in modo ingiusto) etc e problemi di natura ben più grave.

Ecco perché la malattia nasce nell’anima!

 

Le manifestazioni della malattia sul corpo, sia che siano evidenti sia nel caso in cui non lo siano, fuoriescono soltanto quando quel tipo di energia è arrivata ad un livello di condensazione tale da essere riscontrata dai nostri sensi. La mente svolge un ruolo attivo nella risoluzione del problema, ma anche nell’aggravamento del problema stesso. Dipende da come la si sceglie di usare.

Esempio

Per spiegarvi questo concetto, farò un altro esempio concreto: prendiamo due signore adulte, entrambe affette dalla medesima malattia…

Mentre una ha un approccio più positivo scegliendo di non alimentare pensieri negativi sulla malattia, anzi proponendosi di convertire la sua vita dedicandosi ad attività che la coinvolgano e che le provochino gioia e piacere, l’altra invece decide di rinchiudersi in se stessa, focalizzando la sua attenzione e quindi i suoi pensieri sulla malattia. Ebbene se da una parte la malattia tende a scemare o addirittura a scomparire, dall’altra invece tende ad aggravarsi ulteriormente.

Non ti convince?

Se quello che stai pensando ora è “Ma tu pensi realmente che il pensiero o un cambio attitudinale nei confronti degli eventi che ci accadono nella vita possano arrestare una malattia grave?”, la mia risposta è “Si, lo penso davvero!” e ti dico anche il perché. Oltre ad aver vissuto personalmente varie esperienze di questo tipo, i miei studi e le mie conoscenze acquisite in anni di esperienze e osservazioni dirette ed indirette, mi permettono di affermare quanto segue:

 

La malattia non è un demone proveniente da chissà dove che ha scelto in un particolare momento della tua vita di entrare nel tuo copro e di farti morire.

 

Siamo noi a crearcela!

 

Siamo noi che la “fabbrichiamo” e la alimentiamo con il nostro stile di vita pieno di errate abitudini alimentari, pieno di pensieri ed emozioni che intossicano letteralmente la nostra mente e la nostra anima.

 

E’ bene sapere che, se il cibo rappresenta il carburante del nostro corpo – e colgo l’occasione per dirti che, proprio per questo è meglio scegliere il cibo giusto come ad esempio frutta e verdura tendenzialmente cruda – i pensieri rappresentano il carburante della nostra mente e le emozioni il carburante della nostra anima.

Una volta che hai acquisito anche tu queste consapevolezze, una volta che le avrai sperimentate anche tu con la tua esperienza, potrai scegliere in maniera più coscienziosa di cosa vorrai nutrirti…… sia che si tratti di cibo per il tuo corpo, sia che si tratti di cibo per la tua anima e per la tua mente.

 

Pranoterapia & Trattamenti Reiki: veniamo al dunque!

In che modo la Pranoterapia o il Reiki dovrebbero aiutare una persona che soffre per qualche malattia o che vive nell’agitazione, nello stress o nella paura a ritrovare il proprio benessere psicofisico, la propria salute ideale e l’armonia interiore?

Attivando i nostri canali energetici (detti anche Chakra), attraverso l’uso delle mani sarà possibile trasmettere un flusso di energia riequilibrante l’intero organismo.

Pranoterapia & Trattamenti Reiki: come organizzare un trattamento con musica, odori e nel giusto ambiente

Molti ritengono, evidentemente perché lo hanno solo semplicemente analizzato dall’esterno, che l’effetto benefico scaturito da un trattamento pranoterapico o reiki sia di tipo placebo…

in altre parole che si tratti solo di una suggestione.

Coloro che pensano questo, non riescono a riconoscere che viviamo in un immenso campo di energia, l’Universo!

Tutti connessi gli uni con gli altri e tutti comunicanti gli uni con gli altri. Un concetto che anche la fisica quantistica ha affermato e spiegato con chiarezza attraverso numerosissimi studi.

 

Ognuno di noi è dotato di poteri immensi

Tra questi poteri vi è anche il potere di

AUTO – GUARIGIONE

 

Pranoterapia & Trattamenti Reiki: come agisce un trattamento nel particolare

Pranoterapia & Trattamenti Reiki: in che modo agiscono?

Quest’energia, attraverso i trattamenti, agisce:

  • sui sistemi neuro sensoriali
  • penetra fin nelle ossa che formano lo scheletro
  • sostiene e stimola il processo di auto-guarigione dell’organismo
  • induce ad un profondo stato di rilassamento

In particolare:

  • Favorisce l’eliminazione delle tossine
  • Rigenera i tessuti
  • Riattiva il sistema endocrino, circolatorio, digerente e urinario
  • Rafforza il sistema immunitario
  • Riequilibra il sistema nervoso
  • Favorisce il riequilibrio energetico dell’organismo
  • Riduce lo stress

 

Quando scegliamo uno stile di vita più naturale, basato su un’alimentazione di tipo vegetale, su un modus vivendi più in sintonia con ciò che noi siamo, con ciò che proviamo… e accostiamo a questo meditazione, il giusto riposo e viviamo di belle e sane emozioni, non c’è malanno che tenga.

Il Reiki e la Pranoterapia ci aiutano a riportarci su questa strada, ci aiutano a ritrovare noi stessi e a far si che la nostra armonia, la nostra felicità possano ritrovare un posto in prima fila nella nostra vita.